Carrelli

Da Opera Wiki.

La funzione di questo quadro è quella di consentire una codifica dei carrelli nei quali vengono sistemati gli spezzoni dopo il taglio.

  • Gestione Box File:tastomenutendina.png: la scelta del parametri riportati nell’elenco determina la codifica dello spezzone nel box.
    • Posizione commesse: Il codice generato farà riferimento ad un unico box che contiene tutti i profili della commessa.
    • Pezzo x pezzo: In questo caso è generato un codice per box che contiene ogni singola tipologia della commessa.
    • Telai: Viene generato un box per ogni telaio fisso e mobile (messi in sequenza nello stesso carrello).
    • Telai LH: Viene generato un box per ogni telaio fisso e mobile (nellpo stesso carrello) suddividendo però le altezze e le larghezze in box differenti.
  • Box in ottimizzazione: Riporta sulla stampa dell'ottimizzazione il numero di box per ogni taglio.
  • TipoFile:tastomenutendina.png: Consente di definire la suddivisione in box all'interno del singolo carrello.
    • L (larghezza): Indica al programma che il carrello contiene box solo nel senso della larghezza. Suddivisione a rastrelliera.
    • L x H (larghezza per altezza): Il carrello è suddiviso in box, a scacchiera, lungo la sua larghezza (posizioni indicate con le lettere A, B, C,...) e la sua altezza (posizioni indicate con le numeri 1, 2, 3, ...).
    • C-LxH (carrello con larghezza per altezza): La suddivisione è la stessa del tipo L x H tuttavia, in presenza di più carrelli, nella stampa dell'ottimizzazione viene indicato il numero del carrello seguito dall'indicazione del box.
  • Larghezza: Per il tipo L e il tipo L x H, in questa casella è necessario riportare il numero di box presenti lungo la larghezza del carrello.
  • Altezza: Solo per il tipo L x H, in questa casella necessario riportare il numero di box presenti lungo l'altezza del carrello.
  • Distingui telai: L’attivazione di questa funzione determina la distinzione dei telai nei carrelli rispetto agli altri profili.

L’utilizzo delle funzioni relative ai carrelli e ai suoi box determina anche lo sviluppo di una stampa dal quadro Opzioni di stampa in commessa, oltre che della codifica dei profili nell’ottimizzazione anche di una stampa dedicata al carico degli spezzoni nel carrello e nei box, che riporta le impostazioni delle caselle precedenti:


Strumenti personali